Accordo CRUI – AGID per una reale digitalizzazione su scala nazionale

206

di Marco Mancarella*

In attuazione del Piano Triennale per l’Informatica nella PA 2019-2021 e sul presupposto per cui “le Università svolgono un ruolo centrale per lo sviluppo ed il rafforzamento delle competenze digitali e trasversali, ormai indispensabili per accedere e crescere nel mondo del lavoro”, in data 2 settembre 2019 l’Agenzia per l’Italia Digitale – AGID e la CRUI
hanno sottoscritto un Protocollo d’intesa.
In base al Protocollo, “le Parti intendono individuare forme di raccordo, metodologie e strumenti per programmare e coordinare le rispettive attività, nello svolgimento dei propri compiti istituzionali, in un quadro di riferimento definito instaurando un rapporto di collaborazione finalizzato a:

a) promuovere e diffondere una cultura digitale e rafforzare le competenze dei Responsabili per la Transizione al Digitale concorrendo alla trasformazione digitale della pubblica amministrazione;
b) mettere a disposizione i patrimoni informativi e le competenze massimizzando gli effetti sinergici potenzialmente scaturenti dalle attività di rispettiva competenza;
c) fornire, mediante le proprie reti di competenze, supporto alla modellazione di ecosistemi e in generale contribuire alle loro attività;
d) promuovere e supportare la costruzione di una rete dei Responsabili per la Transizione al Digitale nella pubblica amministrazione;
e) favorire il coinvolgimento del sistema universitario nel processo di predisposizione e aggiornamento di linee guida e documentazione tecnica di competenza AgID;
f) definire uno schema di regolamento per l’uso delle risorse digitali da parte degli Atenei al fine di uniformare e adeguare alle normative di riferimento per la loro gestione;
g) favorire la terza missione e il public engagement delle Università fornendo reciproco supporto organico alle attività di trasferimento tecnologico alle PA;
h) definire e avviare iniziative comuni su tematiche connesse alla trasformazione digitale, dirette anche a favorire l’attuazione di politiche di genere e di inclusione attraverso la formazione universitaria e dove opportuno, all’uso di tecnologie ICT, favorendo l’adozione delle tecnologie abilitanti alla transizione digitale anche promuovendone l’uso da parte degli studenti”.

Nello specifico, le prime azioni concordate comporteranno:

– la definizione dei requisiti di percorsi formativi per il rafforzamento delle competenze digitali del personale delle pubbliche amministrazioni e del sistema universitario italiano, in particolare, della figura del Responsabile per la Transizione al Digitale (RTD);
– l’erogazione di un primo percorso formativo a supporto degli RTD della PP.AA.;
– l’individuazione di indici trasversali e specifici (digitali) e un set minimo di indicatori di “performance digitale”;
– il supporto all’attività di competenza di AgID attraverso l’eventuale formulazione di pareri tecnici, osservazioni e proposte da parte del sistema universitario italiano;
– la pianificazione di eventi e iniziative su tematiche connesse alla trasformazione digitale individuate dalle Parti e il coordinamento degli eventi sul territorio sulle medesime tematiche.

Per ogni ulteriore approfondimento:
https://www.agid.gov.it/it/age.

* Professore aggregato di Informatica giuridica e Coordinatore del Tavolo permanente sull’Amministrazione Digitale presso l’Università del Salento