In vigore dal 1° maggio il D.L. 30 aprile 2022, n. 36 “Ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)”

311

a cura di Patrizia Cecchi

Il 1° maggio 2022 è entrato in vigore il decreto legge 36 del 30 aprile 2022 “Ulteriori misure urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)”. Molte le novità specifiche per le Università, oltre che per le PA in generale, che vengono sintetizzate qui di seguito, rimandando per ogni approfondimento al testo del decreto.

1- Piano integrato di attività e organizzazione (PIAO)

L’adozione del Piano integrato di attività e organizzazione è prorogata dal 30 aprile al 30 giugno 2022 (art. 7 comma 1 lettera a) punto 1). E’ prevista inoltre l’emanazione di linee di indirizzo per orientare le amministrazioni pubbliche nella predisposizione dei rispettivi piani dei fabbisogni di personale con riferimento alla definizione di nuovi profili professionali individuati dalla contrattazione collettiva.

2- Portale Unico di reclutamento e nuove procedure concorsuali nella pubblica amministrazione

Definite le regole per le assunzioni del personale non dirigenziale di tutte le pubbliche amministrazioni attraverso l’introduzione dell’art. 35-quater nel D. Lgs. 165/2001, con diverse novità, tra cui:

  • l’istituzione di una Piattaforma unica di reclutamento (www.InPA.gov.it), operativa dal 1/7/2022, con registrazione gratuita di ogni interessato e possibilità di inserimento delle generalità con valore di dichiarazione sostitutiva;
  • l’espletamento di almeno una prova scritta, anche a contenuto teorico-pratico, e di una prova orale, comprendente l’accertamento della conoscenza di almeno una lingua straniera. Il numero delle prove d’esame e le relative modalità di svolgimento e correzione devono contemperare l’ampiezza e profondità della valutazione delle competenze definite nel bando, con l’esigenza di assicurare tempi rapidi e certi di svolgimento del concorso;
  • l’utilizzo di strumenti informatici e digitali e, facoltativamente, lo svolgimento in videoconferenza della prova orale, garantendo comunque l’adozione di soluzioni tecniche che ne assicurino la pubblicità e il rispetto della normativa vigente in tema di sicurezza, tracciabilità e protezione dati personali;
  • la possibilità di effettuare preselezioni con test predisposti anche da imprese e soggetti specializzati in selezione di personale;
  • per l’assunzione di profili specializzati, la valutazione delle esperienze lavorative pregresse e pertinenti oltre alle competenze;
  • per i profili qualificati dalle amministrazioni, in sede di bando, ad elevata specializzazione tecnica, una fase di valutazione dei titoli legalmente riconosciuti e strettamente correlati alla natura e alle caratteristiche delle posizioni bandite, ai fini dell’ammissione a successive fasi concorsuali.

3- Codice di comportamento dei pubblici dipendenti

Dovrà essere aggiornato entro il 31 dicembre 2022e contenere una sezione dedicata al corretto utilizzo delle tecnologie informatiche e dei mezzi di informazione e social media da parte dei dipendenti pubblici, anche al fine di tutelare l’immagine della pubblica amministrazione.

Le pubbliche amministrazioni prevedono lo svolgimento di un ciclo formativo sui temi dell’etica pubblica e sul comportamento etico.

4- Rafforzamento dell’impegno per l’equilibrio di genere

Le amministrazioni adottano misure che attribuiscano vantaggi specifici oppure evitino o compensino svantaggi nelle carriereal genere meno rappresentato.

Entro il 30 settembre 2022 il Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri, di concerto con il Dipartimento delle pari opportunità, adotterà specifiche linee guida.

5- Revisione norme in materia di mobilità orizzontale di personale tra pubbliche amministrazioni diverse

  • A decorrere dal 1° luglio 2022, in ogni caso di avvio di procedure di mobilità, le amministrazioni provvedono a pubblicare il relativo avviso in una apposita sezione del portale del reclutamento www.InPa.gov.it. Il personale interessato alla partecipazione invia la propria candidatura, per qualsiasi posizione disponibile, previa registrazione nel portale, corredata dal proprio curriculum vitae esclusivamente in formato digitale
  • Per il personale non dirigenziale delle amministrazioni di cui all’articolo 1, comma 2, i comandi o distacchi sono consentiti esclusivamente nel limite del venticinque per cento dei posti non coperti, all’esito delle procedure di mobilitàTale disposizione non si applica ai comandi o distacchi obbligatori previsti da disposizioni di legge.
  • Le amministrazioni interessate possono attivare procedure straordinarie di inquadramento in ruolo, fino al 31 dicembre 2022, a favore del personale già in servizio a tempo indeterminato che alla data del 31 gennaio 2022 si trovava in posizione di comando o distacco. L’inquadramento può riguardare fino al 50 per cento delle vigenti facoltà assunzionali e nell’ambito della dotazione organica. Non è richiesto il nulla osta dell’amministrazione di provenienza.

6- Modalità speciali di reclutamento per l’attuazione del PNRR

Le modalità speciali per il reclutamento del personale per l’attuazione del PNRR previste dall’art. 1 del DL 80/21, possono essere utilizzate non solo dalle amministrazioni titolari degli interventi, ma anche dei soggetti attuatori. Tutte le amministrazioni pubbliche possono utilizzare le modalità speciali per il conferimento di incarichi professionali per l’attuazione del PNRR previste dall’art. 1 del DL 80/21.

7- Conferimento di incarichi per il Piano nazionale di ripresa e resilienza a lavoratori in quiescenza

Fino al 31 dicembre 2026, le amministrazioni titolari di interventi previsti nel Piano nazionale di ripresa e resilienza possono conferire incarichi individuali di cui all’articolo 31, comma 8, del decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50, con contratti di lavoro autonomo, ad esperti di particolare e comprovata specializzazione anche universitaria collocati in quiescenza da più di due anni.

A tale personale possono essere conferiti di progettazione, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione, direzione dei lavori, direzione dell’esecuzione, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione, di collaudo, nonché gli incarichi che la stazione appaltante ritenga indispensabili a supporto dell’attività del responsabile unico del procedimento.

Inoltre può essere conferito anche l’incarico di Responsabile Unico del Procedimento (RUP) in presenza di particolari esigenze alle quali non è possibile far fronte con personale in servizio e per il tempo strettamente necessario all’espletamento delle procedure di reclutamento del personale dipendente.

8- Fondo per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione

Il fondo per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione è destinato alla copertura delle spese per interventi, acquisti di beni e servizi, misure di sostegno attività di assistenza tecnica e progetti, nelle materie

  • dell’innovazione tecnologica,
  • dell’attuazione dell’agenda digitale italiana ed europea,
  • del programma strategico sull’intelligenza artificiale,
  • della strategia italiana per la banda ultra larga,
  • della digitalizzazione delle pubbliche amministrazioni e delle imprese,
  • della strategia nazionale dei dati pubblici,
  • dello sviluppo e della diffusione delle infrastrutture digitali materiali e immateriali e delle tecnologie tra cittadini, imprese e pubbliche amministrazioni
  • della diffusione delle competenze, dell’educazione e della cultura digitale.

Tali interventi sono definiti con uno o più decreti del Presidente del Consiglio dei ministri o del Ministro delegato per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione e nel rispetto delle competenze attribuite dalla legge all’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.

9- Reclutamento Ricercatori a tempo determinato di tipo A Università

Le università, al fine di dare attuazione alle misure specifiche del PNRR e a seguito di avvisi pubblicati dal Ministero dell’Università e della Ricerca, possono procedere alla copertura di posti di ricercatore a tempo determinato di tipo A, mediante chiamata diretta, riservati a studiosi che hanno ottenuto un Sigillo di Eccellenza (Seal of Excellence) a seguito della partecipazione a bandi, emanati nell’ambito dei Programmi quadro Horizon 2020 ed Horizon Europe negli anni 2022 o precedenti, relativi alle Azioni Marie Skłodowska-Curie (MSCA).

La copertura delle assunzioni a tempo determinato è garantita dall’Investimento 1.2 della Missione 4, Componente 2, del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Finanziamento di progetti presentati da giovani ricercatori), nel limite di 600 milioni di euro.

Le chiamate dirette dei vincitori dei programmi di ricerca dello European Research Council avvengono anche in deroga alle facoltà assunzionali e comunque nel limite di 10 milioni euro annui assegnati alle università statali secondo il riparto del fondo per il finanziamento ordinario

10- Borse di studio (art.14 co.5)

Le risorse del PNRR per l’aumento del numero e dell’ammontare delle borse di studio per gli studenti universitari non costituiscono un incremento fondo integrativo statale per la concessione di borse di studio e pertanto non concorrono al computo della percentuale a carico delle regioni, con risorse proprie.

Dott.ssa Patrizia Cecchi

Revisore Conti Associazione RAU